Si allo Ius Soli e alle adozioni gay: ecco il presidente grillino ex di Rifondazione Comunista.


Ci sono foto che lo ritraggono intento a baciare la teca di San Gennaro, ma Roberto Fico Napoli ce l’ha nel sangue.Nato a Posillipo, classe 1974, il neo presidente della Camera è un grillino della primissima ora, componente dell’ala ortodossa del Movimento 5 Stelle. Ha fondato nel 2005 quello che è diventato uno dei più grandi Meetup pentastellati.

Dopo il diploma al liceo classico Umberto I (lo stesso da cui proviene Giorgio Napolitano), si laurea a Trieste con 110/110 e lode in Scienze della Comunicazione, con tesi dal titolo “Identità sociale e linguistica della musica neomelodica napoletana”. Un Gianni Celeste della politica insomma.

Un Erasmus alla Facoltà di Scienze Sociali di Helsinki e un master in Knowledge management organizzato dai Politecnici di Palermo, Napoli e Milano su cui aleggia una sorta di mistero (c’è chi sostiene che questo master non esista). La carriera lavorativa annovera un’esperienza da tour operator a Genova; una da ufficio stampa a Roma; una da redattore nella sezione umanistica di una casa editrice napoletana, una da operatore di un call-center e una come manager di un grande albergo partenopeo. Poi, ha dichiarato il diretto interessato, “a un certo punto ho deciso di vivere di rendita con i risparmi che avevo messo da parte con i lavori del mio passato”. E ha aperto, con poca forturna, una ditta per importare tessuti dal Marocco.

Poi il pallino della politica. A 18 anni Fico vota per Bassolino e poi per Rifondazione Comunista. Tanto è l’amore partenopeo che nel 2010 si candida a governatore della Campania e nel 2011 a sindaco di Napoli. Esperienze nefaste: prese l’1,34% prima e l’1,38% dopo. Nonostante ciò, il suo nome per la presidenza della Camera è in pole position già nel 2013. I grillini votano compatti, ma la sorte (e soprattutto gli altri partiti) non lo aiutano. Ma l’ingresso in Parlamento e l’esordio da deputato sono già un successo. In compenso non perde tempo a puntare il dito contro quella che gli ha soffiato lo scranno: “Laura Boldrini usa l’Aula come se fosse una semplice tv commerciale attraverso la quale migliorare la propria immagine”

Poi arrivano la carica di capogruppo M5s alla Camera e quella di presidente della commissione di Vigilanza Rai. In quest’ultimo periodo, Fico fa parlare di sé per gli attacchi a Porta a Porta (“Io la chiuderei e farei un altro tipo di trasmissione”) e a Bruno Vespa (“Ha un contratto milionario e non è nemmeno un dipendente Rai”), ma anche a Fabio Fazio (“Classico comunista col cuore a sinistra e portafogli a destra”). Promuove invece Crozza e difende a spada tratta la trasmissione Report (forse perché la Gabanelli è uno dei guru giornalistici pentastellati?). Se sospendono Report gli italiano sospendano il pagamento del canone”, disse nell’aprile 2017 in merito a una puntata sui vaccini contro il papilloma virus. Poi arriva il momento della guerra interna per la leadership contro Luigi Di Maio, delle divergenze coi vertici del M5s e delle rivolte sedate dai vertici stessi.

Barbetta, collanina, braccialetti, ostile alla cravatta, Fico si è sempre detto favorevole alle adozioni e ai matrimoni omosessuali, all’eutanasia per i malati terminali, allo ius soli (al contrario di quanto sostenuto da Grillo). Sull’immigrazione considera i Cie una vergogna tanto da opporsi alla linea Minniti e condividere invece il pensiero di Gino Strada fondatore di Emergency. Le battaglie ambientaliste chiudono poi il cerchio di quello che si può definire un comunista grillino.

Adesso la partita più difficile: dimostrare di essere super partes.

#RobertoFico #Movimento5Stelle

0 visualizzazioni